Cercare nel blog.

sabato 15 agosto 2015

Lezione 228 del libro di esercizio. Dio non mi ha condannato. Pertanto, neanche io mi condanno.

Sat Nam bello essere! Respira profondamente e apri la tua mente all'idea di oggi. Chiudi gli occhi di a te stesso: riposo in Dio. Senti quella presenza divina che è dentro della tua mente e chiedi: Spirito Santo che sei nella mia mente aiutami a capire questa idea di oggi. Aiutami ad essere ogni istante nel presente, osservando ogni cosa che succede nella mia mente per poter comprendere che nulla è reale e liberarmi. Grazie ti amo.

Lezione 228.
Dio non mi ha condannato.
Pertanto, neanche io mi condanno.
1. Mio Padre conosce la mia santità.

Dovrei forse negare la Sua conoscenza e credere in quello che la Sua Conoscenza fa che sia impossibile?

Oppure devo accettare come vero ciò che Egli proclama che è falso?

O dovrei meglio accettare la Sua Parola su quello che sono, dal momento che Egli è il mio Creatore ed è Chi conosce la vera condizione di Suo Figlio?

2. Padre mi sono sbagliato su di me, perché non ho riconosciuto la fonte della mia origine.

Non mi sono separato da essa per entrare in un corpo e morire.

La mia santità è ancora parte di me, come io sono parte di Te.

I miei errori su di me sono sogni.

Oggi li abbandono.

E sono pronto a ricevere la Tua Parola su quello che sono veramente.

Un corso di miracoli.Se hai qualche dubbio, hai bisogno di qualsiasi spiegazioni mandami un email.  Mi puoi trovare anche su Facebook. Grazie ti amo. 

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Post più popolari