Cercare nel blog.

giovedì 14 maggio 2015

Lezione 135 del libro di esercizio. Se mi difendo significa che sono stato attaccato.

Sat Nam bello essere! Respira profondamente e apri la tua mente all'idea di oggi. 

Chiudi gli occhi  di a te stesso: riposo in Dio. Senti quella presenza divina che è dentro della tua mente e chiedi:

Spirito Santo che sei nella mia mente aiutami a capire questa idea di oggi.


Aiutami ad essere ogni istante nel presente, osservando ogni cosa che succede nella mia mente per poter comprendere che nulla è reale e liberarmi. Grazie ti amo


Lezione 135.                         
Se mi difendo significa che sono stato attaccato.
1. Chi difenderebbe se stesso a meno che credesse che è stato attaccato, che l'attacco è reale e che difendendosi è il modo di salvarsi?

In questo sta la insensatezza delle difese, le quali danno assoluta realtà alle illusioni e dopo cercano di affrontare con loro come se fossero reali.

Quello non fa che aggiungere più illusioni alle illusioni facendo così che la correzione sia doppiamente difficile.

E questo è ciò che fai quando stai cercando di pianificare il futuro, riattivare il passato e organizzare il presente in accordo con i tuoi desideri.

2. Attui basandoti nella credenza che devi proteggerti da ciò che sta accadendo, perché quello racchiude una minaccia per te.

Sentirti minacciato è il riconoscimento di una debolezza inerente, è così la credenza che c'è un pericolo che ha il potere di farti cercare una difesa appropriata.

Il mondo sta basato in questa credenza demente.

E tutte le sue strutture, pensieri e dubbi, le sue punizioni e il suo pesante armamento, le sue definizioni legali e i suoi codici, la sua etica, i suoi capi, i suoi dei non fanno che perpetuare questa sensazione di minaccia.

Perché nessuno andrebbe per il mondo portando una pesante armatura se non fosse perché il terrore gli restringe il cuore.

3. Le difese sono spaventose

Nascono dalla paura, la quale si intensifica con ogni difesa addizionale.

Credi che ti offrono sicurezza.

Sebbene ciò che fanno è proclamare che la paura è reale e che il terrore è giustificato.

Non ti sembra strano che nel fare piani per rafforzare la tua armatura e assicurare le tue serrature non ti fermi mai a pensare cosa stai difendendo, come lo stai difendendo e contro cosa?

4. Esaminiamo in primo luogo cosa è ciò che difendi.

Deve essere qualcosa molto debole e vulnerabile.

Qualcosa che è una facile preda incapace di proteggere se stessa e che pertanto ha bisogno che tu la difenda.

Quale altra cosa se non il corpo ha tale fragilità che per proteggere la sua insignificante vita è necessario darle una costante cura e preoccuparsi in grande maniera per il suo benessere?

Quale altra cosa se non il corpo è debole e incapace di essere degno del ospite del Figlio di Dio?

5. Sebbene non è il corpo quello che può avere timore o essere qualcosa di temibile.

Le uniche necessità che ha sono quelle che tu stesso le hai imposto.

Esso non ha bisogno di complicate strutture che possano difenderlo, né di medicine per conservare la sua salute, né cura, ne che ti preoccupi per esso in assoluto.

Se difendi la sua vita facendogli regali per abbellirlo o costruisci muraglie per la sua protezione starai dichiarando che la tua casa è vittima del ladro del tempo, che è corruttibile, che è deteriorato e che è tanto vulnerabile che devi proteggerlo con la tua propria vita.

6. Non è questo un quadro spaventoso?

Come puoi essere in pace con somigliante concetto della tua casa?

Sebbene cosa è stato quello che ha dato al corpo il diritto di servirti di questa maniera se non le tue proprie credenze?

È stata la tua mente quella che ha assegnato al corpo tutte le funzioni che vedi in esso e quella che ha fissato il suo valore oltre il piccolo sacco di polvere e acqua che è quello che in realtà è.

Chi difenderebbe somigliante cosa se riconoscesse che esso è ciò che è?

7. Il corpo non necessita di nessuna difesa.

Non possiamo fare sufficiente enfasi in questo.

Il corpo si manterrà forte e sano se la mente non abusa di esso assegnandogli funzioni che non può compiere, propositi che sono oltre il suo raggiungimento e grandi mete che non può raggiungere.

Tali tentativi ridicoli anche gelosamente conservati sono la fonte dei molti e dementi attacchi a cui lo sottometti.

Perché il corpo sembra di frustrare le tue speranze, i tuoi valori e i tuoi sogni così como il fatto di non soddisfare le tue necessità.

8. ”L'essere” che ha bisogno di protezione non è reale.

Il corpo che di per se non ha valore né merita la più minima difesa soltanto ha bisogno di essere percepito come qualcosa completamente lontana da te, per diventare uno strumento sano e utile attraverso il quale la mente può operare fino a che smetta di essere utile.

Perché chi vorrebbe conservarlo una volta che smette di essere utile?

9. Difende il corpo e avrai attaccato la tua mente.

Perché avrai visto in essa le debolezze, le limitazioni, la mancanza e i difetti dei quali credi che il corpo deve essere liberato.

In questa maniera non potrai vedere alla mente come qualcosa separata delle condizioni corporali.

E scaricherai su di esso tutto il dolore che viene da concepire la mente come fragile, limitata e separata dalle altre menti e dalla sua Fonte.

10. Questi sono i pensieri che hanno bisogno di guarigione e una volta che sono stati corretti e rimpiazzati dalla verità il corpo godrà della perfetta salute.

La verità è l'unica difesa reale del corpo.

Sebbene ricorri a essa per difenderlo?

Il tipo di protezione che offri a esso non li beneficia in assoluto, se non che aggiunge più angoscia alla tua mente.

E non solo non guarisci ma che elimini ogni speranza di guarigione, perché non puoi vedere dove depositare le speranze se è che queste devono essere speranze fondate.

11. La mente che è guarita non pianifica. 

Semplicemente porta alla fine i piani che riceve nel ascoltare una Saggezza che non è quella sua.

Aspetta fino a che questa le indica cosa fare e dopo procede a farlo.

Non dipende da se stessa per niente anche se ha fiducia nella sua capacità per portare alla fine i piani che gli sono assegnati.

Riposa serena nella certezza che nessun ostacolo può impedire il suo avanzamento verso il raggiungimento di qualsiasi obbiettivo che serva al grande piano che è stato disegnato per il bene di tutti.

12. La mente che è guarita è libera dalla credenza che deve pianificare se bene non può sapere quale sarebbe il miglior finale, i mezzi con i quali questi possono essere raggiunti né come riconoscere il problema che il piano ha come proposito soluzionare.

La mente non potrà che fare uno sbagliato uso del corpo nel fare piani mentre non riconoscerà che questo è così.

Però quando accetterà che questo è la verità guarirà e lascerà da parte il corpo.

13. Forzare il corpo perché si possa adeguare ai piani che una mente non guarita traccia per salvare se stessa è ciò che fa che il corpo si ammala.

In tale caso il corpo non è libero di essere uno strumento di aiuto in un piano che offre a esso molto più protezione di quella che potrebbe dare a se stesso, e che per un periodo ha bisogno dei suoi servizi.

Quando è utilizzato con questo proposito, la salute è assicurata.

Perché tutto quello di cui la mente si avvale per tale fine funzionerà perfettamente e con la forza che gli è stata data, la quale non può fallire.

14. Forse non sarà facile renderti conto che i piani che uno stesso inizia sono soltanto difese, perché il suo proposito è lo stesso per cui sono concepite tutte le difese.

Questi piani costituiscono i mezzi attraverso i quali una mente intimorita cerca di fare carico della sua propria protezione a costo della verità.

Questo può essere riconosciuto facilmente in alcune delle forme che adotta questo auto inganno, dove la negazione della realtà è molto evidente.

Nonostante raramente viene riconosciuto che fare piani è in se stesso una difesa.

15. La mente che si dedica a fare piani per se stessa sta cercando di controllare successi futuri.

Non crede che sarà fornita di tutto quanto possa necessitare a meno che essa stessa lo faccia.

Il tempo diventa qualcosa nel quale ciò che si fa enfasi è nel futuro, il quale deve essere controllato attraverso l'apprendimento e la esperienza che deriva dai successi passati e dalle credenze che hanno.

Quella mente ignora il presente basandosi nell'idea che il passato gli ha insegnato il sufficiente, come per permetterle di dirigere la sua futura traiettoria.

16. La mente che fa piani pertanto non permette nessun cambiamento.

Ciò che ha imparato nel passato diventa la base dei suoi futuri obbiettivi.

Le sue esperienze passate determinano la sua scelta di ciò deve accadere.

E non si rende conto che qui e adesso si trova tutto quanto di cui ha bisogno per garantire un futuro molto differente dal passato, libero dalla continuità delle vecchie idee e dalle credenze malate.

Non c'è ansietà rispetto al futuro, perché la fiducia nel presente è sotto carico di questo.

17. Le difese sono i piani che intraprende per attaccare la verità.

Il suo obiettivo è scegliere quello a ciò che dai la tua conformità e scartare ciò che consideri incompatibile con le tue credenze su ciò che è la tua realtà.

Nonostante ciò che rimane certamente non ha significato.

Perché la tua realtà è la minaccia che le tue difese cercano di attaccare, nascondere, strozzare e crocifiggere.

18. Cosa non potresti accettare se sapessi che tutto ciò che accade, ogni successo, passato, presente o futuro è amorevolmente pianificato da Quello il cui unico proposito è il tuo bene?

Forse non hai capito bene il Suo piano, perché Egli non potrebbe mai darti dolore.

Però le tue difese non ti hanno lasciato vedere la sua amorevole benedizione, illuminando ogni passo che non hai andato mai.

Mentre facevi piani per la morte Egli ti conduceva dolcemente verso la vita eterna.

19. La tua presente fiducia in Egli è la difesa che ti promette un futuro tranquillo, senza nessun vestigio di sofferenze e pieno di giubili ,che è ogni volta maggiore man mano che questa vita diventa un istante santo collocato nel tempo, però riconoscendo unicamente l'immortalità.

Non permettere che nessuna difesa eccetto il tuo presente di fiducia possa dirigere il tuo futuro e questa vita diventerà un incontro significativo con la verità, la quale soltanto le tue difese potrebbero nascondere.

20. Senza difese diventi una luce che il Cielo stesso, pieno di gratitudine, riconosce come propria.

E ti condurrà per i cammini che sono stati disegnati per la tua felicità, in accordo con il piano ancestrale che ha inizio con la nascita del tempo.

E i nostri fratelli lasceranno piacevolmente da parte le proprie ingombranti difese che non gli sono servite a niente e solo gli hanno dato terrore.

21. Aspetteremo oggi con grande aspettative quel momento pieni di assoluta fiducia nel presente, perché questo è parte di ciò che è stato pianificato per noi.

Riposeremo nella certezza che ci sarà fornito tutto quanto possiamo aver bisogno per ottenere questo oggi.

Non faremo piani su come sarà raggiunto questo se non che ci renderemo conto che la nostra indifesa è l'unica cosa di cui avremo bisogno, perché la verità possa nascere nelle nostre menti con assoluta certezza.

22. Durante quindici minuti in due momenti, oggi eviteremo di fare piani senza sensocercheremo di non avere  pensieri che impediscano la entrata alla verità nelle nostre menti.

Oggi riceveremo invece di pianificare in modo da poter dare invece di organizzare.

E in verità ci è stato dato già tutto quando diciamo:

Se mi difendo sono stato attaccato

Però nella mia indifesa sarò forte.

E scoprirò ciò che le mie difese nascondono.

23. Questo è tutto.

Se devi fare piani ti sarà detto quali sono.

Può essere che non saranno i piani che tu credevi necessari, né le risposte ai problemi che credevi di affrontare.

Però sono le risposte ad un altro tipo di domanda, le quali continuano ancora senza ottenere risposte, sebbene hanno bisogno di avere risposte, fino a che alla fine ti sarò arrivata la Risposta.

24. Il proposito di tutte le tue difese è stato quello di impedire che tu possa ricevere ciò che devi ricevere oggi.

E di fronte alla luce e alla gioia della semplice fiducia ti chiederai sorpreso come mai hai potuto pensare che dovevi difenderti dalla tua liberazione.

Il Cielo non chiede niente.

E è l'inferno quello che esige stravaganti sacrifici.

Oggi non starai rinunciando a niente durante questi momenti nei quali senza difese ti presenterai di fronte al tuo Creatore tale e come in realtà sei.

25. Egli ha ricordato te.

Oggi noi ricordiamo Egli.

Perché questa è la Pasqua Fiorita della tua salvezza e tu emergi di nuovo da ciò che sembrava di essere la morte e la disperazione.

Adesso rinasce in te la luce della speranza, perchè adesso vieni senza difese a scoprire qual è il tuo ruolo nel piano di Dio.

Quali insignificanti piani o credenze magiche possono continuare ad avere valore una volta che la Voce che parla per Dio Stesso ti ha dimostrato la tua funzione?

26. Non cercare che questo giorno si possa adeguare a ciò che secondo te sarebbe meglio per te

Perché non puoi concepire tutta la felicità che ti arriva senza dover programmare nulla.

Decidi di imparare oggi e tutto il mondo si unirà a te per dare questo passo gigante e festeggiare la tua Pasqua Fiorita con  te.

Se in qualsiasi momento durante la giornata ti rendi conto che cose banali e insignificanti sembrano di metterti alla difensiva e tentarti di pianificare, ricorda che questo è un giorno dedicato a un apprendimento speciale e riconoscilo ripetendo la seguente cosa:

Questa è la mia Pasqua Fiorita.

E voglio conservarla santa.

Non mi difenderò, perché il Figlio di Dio non necessita di difese contro la verità della sua realtà. Un corso di miracoli.

Se hai qualche dubbio, hai bisogno di qualsiasi spiegazioni mandami un email.  Mi puoi trovare anche su Facebook. Grazie ti amo.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Post più popolari