Cercare nel blog.

venerdì 10 aprile 2015

Lezione 101 del libro di esercizio. La Volontà di Dio per me è la perfetta felicità.

Sat Nam bello essere! Respira profondamente e apri la tua mente all'idea di oggi. 


La Volontà di Dio per te è la perfetta felicità, giacché il peccato non esiste e la sofferenza non ha causa.

La gioia è giusta e il dolore non è che un segnale che indica che ti sei sbagliato rispetto a te stesso.

Non avere paura della Volontà di Dio.

Al contrario aggrappati in essa con assoluta fiducia che ti libererà di tutte le conseguenze che il peccato ha forgiato nella tua febbrile immaginazione. Di a te stesso:

La volontà di Dio per me è la perfetta felicità.

Il peccato non esiste né ha conseguenze. Ti amo.

Chiudi gli occhi  di a te stesso: riposo in Dio. Senti quella presenza divina che è dentro della tua mente e chiedi 

Spirito Santo che sei nella mia mente aiutami a capire questa idea di oggi. Aiutami ad essere ogni istante nel presente, osservando ogni cosa che succede nella mia mente per poter comprendere che nulla è reale e liberarmi. Grazie ti amo!
Lezione 101.                                                                         
La Volontà di Dio per me è la perfetta felicità.
Audio.

1. Oggi continuiamo con il tema della felicità.

Questa idea è essenziale per poter capire il significato della salvezza.

Ancora credi che la salvezza ha bisogno della tua sofferenza come una penitenza per i tuoi “peccati”.

Però non è così.

Nonostante non potrai evitare di pensare che è così mentre continuerai a credere che il peccato è reale e che il Figlio di Dio può peccare.

2. Se il peccato è reale allora la punizione è giusta e inevitabile.

Se fosse così allora la salvezza può solo essere ottenuta attraverso la sofferenza.

Se il peccato è reale allora la felicità non può che essere una illusione, perché entrambe le cose non possono essere la verità.

Quelli che hanno peccato allora meritano soltanto la morte e il dolore ed è per questo che lo chiamano.

Perché sanno che quello è ciò che gli aspetta e che li cercherà e che in qualche punto e in qualche luogo li troverà, in modo che possano pagare il debito che hanno con Dio.

Dovuto al proprio terrore cercano di scappare da esso.

Però esso li continuerà a perseguitare e loro non potranno scappare.

3. Se il peccato è reale la salvezza dev'essere il dolore.

Il dolore è il costo del peccato e se il peccato è reale la sofferenza è inevitabile.

La salvezza non può che essere temibile, perché uccide, anche se lentamente e prima di dare il voluto favore della morte alle vittime che sono quasi nelle ossa e prima di essere stati placcate gli toglie tutto.

La sua ira è insaziabile e inclemente, anche totalmente giusta.

4. Chi cercherebbe una punizione tanto brutale?

Chi non scapperebbe dalla salvezza cercando a tutti costi i mezzi di affogare la Voce che gli offre?

Per quale motivo potrebbe cercare di ascoltare e accettare la Sua offerta?

Se il peccato è reale, ciò che le offre è la morte, la quale la infligge crudelmente per poter essere a pari passo con i perversi desideri da dove nasce il peccato.

Se il peccato fosse reale, la salvezza diventerebbe il tuo nemico accanito, la maledizione di Dio contro te che hai crocifisso Suo Figlio.

5. Oggi hai bisogno di questi sessioni di pratiche.

Gli esercizi ti insegneranno che il peccato non è reale e che tutto ciò che credi che inevitabilmente deve accadere come una conseguenza di esso, non potrà mai accadere, perché non ha causa.

Accetta l'Espiazione con una mente ricettiva che non ha la credenza che hai fatto del Figlio di Dio un demone.

Il peccato non esiste.

Praticheremo oggi questo pensiero tanto spesso come potrai, perché è la base dell'idea di oggi.

6. La Volontà di Dio per te è la perfetta felicità, giacché il peccato non esiste e la sofferenza non ha causa.

La gioia è giusta e il dolore non è che un segnale che indica che ti sei sbagliato rispetto a te stesso.

Non avere paura della Volontà di Dio.

Al contrario aggrappati in essa con assoluta fiducia che ti libererà di tutte le conseguenze che il peccato ha forgiato nella tua febbrile immaginazione. Di a te stesso:

La volontà di Dio per me è la perfetta felicità.

Il peccato non esiste né ha conseguenze.

Così è come devi dare inizio alle tue sessioni di pratiche.

Dopo cerca un'altra volta di trovare la gioia che questi pensieri daranno alla tua mente.

7. Dà piacevolmente questi cinque minuti per eliminare la pesante carica che ti sei messo sopra nell'albergare la demente credenza che il peccato è reale.

Scappa oggi dalla demenza.

Sei già fermamente piantato nel cammino che conduce alla libertà e adesso l'idea di oggi ti da le ali per accelerare il tuo progresso e la speranza perché tu vada ancora più in fretta verso la meta di pace che ti aspetta.

Il peccato non esiste.

Ricorda questo oggi e ripeti in silenzio spesso come puoi:

La Volontà di Dio per me è la perfetta felicità.

Questa è la verità perché il peccato non esiste. 
Un corso di miracoli.

Se hai qualche dubbio, hai bisogno di qualsiasi spiegazioni mandami un email.  Mi puoi trovare anche su Facebook. Grazie ti amo. 

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Post più popolari