Cercare nel blog.

venerdì 6 febbraio 2015

Lezione 38 del libro di esercizio. Non c'è niente che la mia santità non possa fare.

Sat Nam bello essere! Respira profondamente e apri la tua mente all'idea di oggi.

Tu hai il potere di fare miracoli con il potere della tua santità. Sei poderoso e hai una forza capace di trasformare tutto ciò che stai sperimentando. 

Puoi cambiare il mondo che vedi ed esso lo puoi fare solo cambiando il tuo mondo interiore.

Se permetti che lo Spirito Santo possa guarire la tua mente questo sarà un fatto. 

Egli entrerà nella profondità di essa, lì dove tutto è nascosto per correggere e farti vedere che la tua santità  è stata li sempre intatta. 

Sei santo, come sempre lo sei stato. Allora utilizza il tuo potere per guarire il mondo. ti amo.

Non c'è niente che la tua santità non possa fare per eliminare ogni dolore, far sparire ogni sofferenza e risolvere ogni problema.

Chiudi gli occhi di a te stesso: riposo in Dio, chiedi, senti quella presenza divina che è dentro della tua mente e chiedi 

Spirito Santo che sei nella mia mente aiutami a capire questa idea di oggi. Aiutami ad essere ogni istante nel presente, osservando ogni cosa che succede nella mia mente per poter comprendere che nulla è reale e liberarmi. Aiutami a utilizzare il potere della mia santità per eliminare ogni dolore, far sparire ogni sofferenza e risolvere ogni problema. Grazie ti amo!

Link alla lezione del libro di testo: V-L'illusione dell'ego e del corpo.

Lezione 38
Non c'è niente che la mia santità non possa fare.

1. La tua santità inverte tutte le leggi del mondo. 

Questa è oltre qualsiasi restrizione del tempo, spazio, distanza così come da qualsiasi tipo di limite.

Il potere della tua santità è illimitato, perché stabilisce te come Figlio di Dio, in unione con la Mente del Suo Creatore.

2. Attraverso la tua santità il potere di Dio è manifestato. 

Attraverso la tua santità il potere di Dio diventa accessibile.

E non c'è niente che il potere di Dio non possa fare. 

La tua santità quindi può eliminare ogni dolore, far sparire ogni sofferenza e risolvere ogni problema.

Può fare questo in connessione con te e con qualsiasi altra persona. 

Ha lo stesso potere per aiutare qualunque, perché il suo potere per salvare a qualunque è lo stesso.

3. Se tu sei santo, lo è anche tutto ciò che Dio ha creato

Tu sei santo perché tutte le cose che Egli ha creato sono sante.

E tutte le cose che Egli ha creato sono sante perché tu sei santo. 

Negli esercizi di oggi applicheremo il potere della tua santità a qualsiasi tipo di problema, difficoltà e sofferenza che ti viene in mente tanto se ha a che vedere con te come con un'altra persona.

Non faremo distinzioni perché non ci sono.

4. Nelle quattro sessioni di pratiche più lunghe che preferibilmente devono avere una durata di cinque minuti completi ognuna, ripeti l'idea di oggi e dopo chiudi gli occhi.

Esamina la tua mente in cerca di qualsiasi sensazione di perdita o di qualsiasi tipo di infelicità tale e come la percepisci.

Cerca nella misura che puoi di non fare distinzioni tra le situazioni che sono difficile per te e quelle che sono difficile per l'altro.

Identifica la situazione specifica così come il nome della persona in questione. 

Usa il seguente modello nell'applicare l'idea di oggi:

In questa situazione rispetto a__________nella quale mi vedo coinvolto non c'è niente che la mia santità non possa fare.

In questa situazione rispetto a __________nella quale mi vedo coinvolto non c'è niente che la mia santità non possa fare.

5. Di tanto in tanto puoi fare una variazione di questo procedimento se così lo desideri e aggiungere alcuni dei tuoi propri pensieri appropriati

Potresti ad esempio includere :

Non c'è niente che la mia santità non possa fare perché il potere di Dio è in essa.

Introduce qualsiasi variazione che vuoi ma mantieni gli esercizi focalizzati nel tema; “Non c'è niente che la mia santità non possa fare”.

Il proposito degli esercizi di oggi è iniziare a inculcarti la sensazione che hai il controllo su tutte le cose per il fatto di quello che sei.

6. Nelle applicazioni corte e più frequenti applica l'idea nella sua forma originale, a meno che non ti venga in mente alcun problema o accada qualcosa in particolare che ha a che vedere con te o con altra persona. 

In questo caso usa la forma più specifica
Un corso di miracoli.
Se hai qualche dubbio, hai bisogno di qualsiasi spiegazioni mandami un email.  Mi puoi trovare anche su Facebook. Grazie ti amo. 

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Post più popolari