Cercare nel blog.

mercoledì 7 gennaio 2015

Lezione 8 del libro di esercizio. La mia mente è piena di pensieri del passato.

Sat Nam bello essere! Respira profondamente e apri la tua mente all'idea di oggi.

Chiudi gli occhi e senti la presenza divina che c'è dentro della tua mente, sente la luce e chiedigli di aiutarti ad accettare questa idea per poter capire tutto ciò che leggerai nella giornata di oggi. Grazie ti amo!

Lo scopo degli esercizi di oggi è quello di iniziare ad addestrare la tua mente a riconoscere quando in realtà non sta pensando in assoluto.


Link alla lezione del libro di testo: Come scappare dall'oscurità  IV- Come scappare dall'oscurità mp3
Lezione 8.
La mia mente è piena di pensieri del passato.
Libro di esercizio.
1. Questa idea è ovviamente la ragione perché tu vedi unicamente il passato.

Nessuno in realtà vede nulla.

Tutto ciò che vedono è i loro pensieri proiettati verso l'esterno.

Il fatto che la mente è assorbita dal passato è la causa del malinteso circa il tempo, che la tua visione soffre.

La tua mente non può afferrare il presente, che è l'unico tempo che c'è.

Pertanto non puoi capire il tempo, e in effetti non puoi capire nulla.

2. L'unico pensiero completamente vero che si può avere del passato è che non è qui.

Pensare al passato dunque è pensare nelle illusioni.

Pochissimi hanno capito che cosa significa veramente visualizzare il passato o predire il futuro.

In realtà, la mente è vuota nel momento di fare questo, giacché in realtà non sta pensando a nulla.

3. Lo scopo degli esercizi di oggi è quello di iniziare ad addestrare la tua mente a riconoscere quando in realtà non sta pensando in assoluto.

Mentre la tua mente ancora continua ad essere assorta con i pensieri senza contenuto, la verità rimarrà bloccata.

Riconoscere che la tua mente è stata semplicemente in bianco, piuttosto che seguire
con la convinzione che è piena di idee reali, è il primo passo nel processo di aprire la strada alla visione.

4. Gli esercizi di oggi devi farli preferibilmente con gli occhi chiusi. 

Questo perché in realtà non puoi davvero vedere nulla, ed è più facile riconoscere che per quanto vivamente tu possa visualizzare un pensiero, non stai vedendo in realtà nulla.

Con il più distacco possibile, cerca nella tua mente per il solito minuto o di più, semplicemente notando i pensieri che si trovano lì.

Nomina ognuno per la figura centrale che contengono e poi passa al prossimo.

Inizia la sessione di pratica dicendo la cosa seguente:

Sembra che sto pensando in _____(nome della persona, situazione, oggetto, emozione ecc..)

5. Poi descrivi in dettaglio ciascuno dei tuoi pensieri. Per esempio:

Sembra che sto pensando in [nome della persona], nel [nome oggetto], a [nome dell'emozione], e così concludendo al termine del periodo di ricerca mentale con:

Ma la mia mente è assorta di pensieri passati.

6. La pratica di questa idea può essere fatta quattro o cinque volte durante il giorno, a meno che non ti risulta fastidioso.

Se ti è difficile, con tre o quattro volte sarà sufficiente.

Forse ti potrebbe aiutare nonostante ciò includere il fastidio che ti provoca o qualsiasi emozione che l'idea di oggi abbia potuto generare durante la ricerca mentale in se stessa. Un corso di miracoli.

Se hai qualche dubbio, hai bisogno di qualsiasi spiegazioni mandami un email.  Mi puoi trovare anche su Facebook. Grazie ti amo. 


Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Post più popolari